Dal Viagra possibile cura per il Covid-19

Andrologia

Se gli studi in corso qui presentati dovrebbero fornire risultati positivi, il basso costo, l'ampia disponibilità degli inibitori della PDE5 potrebbero renderli una risorsa importante per combattere il COVID-19 nei paesi in via di sviluppo

Uno studio tutto italiano

Un focolaio di pandemia di Covid-19 ha spazzato il mondo da dicembre. Inizia come un'infezione respiratoria che, principalmente negli uomini con diabete o insufficienza renale, si evolve in una malattia sistemica, con SARDS, danno progressivo alle cellule endoteliali, coagulazione anormale e compromissione della funzionalità cardiovascolare e epatica.

Alcuni studi clinici stanno testando farmaci biologici per limitare la disregolazione del sistema immunitario, "tempesta di citochine", che causa le complicazioni sistemiche di Covid-19. Le controindicazioni di questi farmaci e il loro costo sollevano preoccupazioni sulle implicazioni della loro ampia disponibilità.

Numerosi studi clinici e sperimentali hanno rivelato un ruolo nella via dell'ossido nitrico (NO) -ciclico GMP-fosfodiesterasi di tipo 5 (PDE5) nel modulare l'infiammazione di basso grado nei pazienti con malattie metaboliche, offrendo protezione cardiovascolare. L'inibizione della PDE5 favorisce una risposta antinfiammatoria modulando le cellule T attivate, riducendo il rilascio di citochine, abbassando la fibrosi, aumentando la diffusione dell'ossigeno, stimolando la riparazione vascolare. La PDE5 è altamente espressa nei polmoni, dove la sua inibizione migliora la fibrosi polmonare, una complicazione della grave malattia.

Revisione sistemica

Gli autori hanno effettuato una revisione sistematica di tutte le prove documentando qualsiasi coinvolgimento dell'asse NO ‐ cGMP ‐ PDE5 nella fisiopatologia di Covid‐19, presentando gli studi clinici in corso volti a modulare questo asse, inclusa la nostra “somministrazione di sildenafil nei pazienti diabetici e dismetabolici con Covid-19 (prova DEDALO)”.

Le prove esaminate suggeriscono che gli inibitori della PDE5 potrebbero offrire una nuova strategia per la gestione di Covid-19 contrastando la deregolazione mediata da Ang-II del recettore AT-1 agendo sulla commutazione dei monociti, riducendo così le citochine proinfiammatorie, l'infiltrazione interstiziale e il danno dei vasi responsabile dell'emorragia-necrosi alveolare inibendo la transizione delle cellule muscolari endoteliali e lisce alle cellule mesenchimali nell'arteria polmonare, prevenendo la coagulazione e le complicanze trombotiche.

Se gli studi in corso qui presentati dovrebbero fornire risultati positivi, il basso costo, l'ampia disponibilità degli inibitori della PDE5 potrebbero renderli una risorsa importante per combattere il Covid-19 nei paesi in via di sviluppo.

Contatta Ora l'Autore

Contatta