Covid-19 e fake news


Covid-19 e fake news

La cattiva informazione può diventare più pericolosa del virus che ha causato un'emergenza sanitaria mondiale? A quanto pare si: dai gargarismi con la candeggina all'uso del phon ecco la lista di fake news che il Ministero della Salute smentisce

Fake news: sempre dietro l'angolo

Le fake news non risparmiano proprio alcun argomento e il coronavirus non ne è affatto esente. Dall'inizio della pandemia ad oggi sono davvero molte le false informazioni associate al Covid-19, proprio per questo il Ministero della Salute ne ha stilato un elenco. 

Quando in gioco c'è la nostra salute e quella dei nostri cari non possiamo essere superficiali, non possiamo limitare la nostra conoscenza ad una notizia e/o informazione letta frettolosamente sui social media. Dobbiamo essere cauti e attenti ma soprattutto imparare a distinguere una notizia falsa da una vera.

Come riconoscere una fake news 

Innanzitutto è fondamentale valutare la fonte della notizia, ovvero chi ha scritto e divulgato quell'informazione. Si tratta di un sito autorevole? Si tratta di una pagina specializzata in quella materia? L'articolo è firmato? E' un professionista? E' un giornalista?

Inoltre è bene diffidare dai titoli "esagerati", scritti in maiuscolo e con un uso eccessivo di punti esclamativi. In questi casi è chiaro l'intento di attirare la vostra attenzione e far sì che clicchiate sul link. 

Controllate poi la data di pubblicazione della notizia, molto spesso sui social i post pubblicati riguardano notizie vecchie che vengono riproposte di continuo per raggiungere un maggior numero di like e interazioni.

Infine prestate attenzione a ciò che leggete, molto spesso vengono utilizzate frasi del tipo "secondo gli esperti..." o "la scienza dice...", locuzioni di questo genere sono troppo vaghe e generiche e nella maggior parte dei casi indicano la vera natura della notizia ovvero l'essere una bufala. Perciò fidiamoci di quegli articoli che riportano chiaramente chi ha pronunciato determinate dichiarazioni poichè indicatore di veridicità.

Quali sono le fake news che riguardano il coronavirus?

Vediamo quali sono le informazioni false divulgate in merito al Covid-19

- Fare gargarismi con la candeggina protegge dal coronavirus. FALSO

- Il coronavirus rende sterili. FALSO

- Se vieni contagiato dal coronavirus te ne accorgi sempre. FALSO

- I bambini non rischiano di essere contagiati dal coronavirus. FALSO

- Gli animali domestici possono trasmettere il virus. FALSO

- Pane fresco e verdure crude possono essere contaminate. FALSO

- Mangiare aglio aiuta a prevenire il virus. FALSO

- Bere tanta acqua lava il virus dalle viee aeree e lo spinge nello stomaco. FALSO

- Bere bevande calde uccide il virus. FALSO

- Il risciacquo regolare del naso con soluzione salina previene l'infezione. FALSO

- La Tachipirina cura l'infezione da coronavirus. FALSO

- Il nuovo coronavirus può essere trasmesso dalle punture di zanzare. FALSO

- Una lampada a raggi ultravioletti può uccidere il virus. FALSO

- Esiste una correlazione tra epidemia da coronavirus e rete 5G. FALSO

- Ci si può infettare bevendo l'acqua del rubinetto. FALSO

- Mettersi al sole previene il virus perchè il caldo lo uccide. FALSO

- Se bevo alcolici non mi ammalo perchè il virus è sensibile all'alcol. FALSO

- I trattamenti ayurvedici non fanno ammalare. FALSO

- Il sudore emesso durante l'attività fisica elimina il virus. FALSO

- Se mangio tutti i giorni un cucchiaio di miele mi proteggo dal virus. FALSO

- Applicare la vaselina intorno alle narici non fa entrare il virus nel naso. FALSO

- Respirare l'aria calda del phon elimina il virus dalla gola. FALSO

Credere anche solo in una delle informazioni (false) appena elencate significherebbe abbassare la guardia nei confronti del virus. Se crediamo che è sufficiente bere una bevanda alcolica o effettuare dei lavaggi nasali per prevenire o debellare il virus facciamo si che sia lui a vincere.

Perciò prestiamo attenzione alla nostra salute partendo da una buona informazione, solo essendo cittadini consapevoli e responsabili riusciremo a proteggere noi stessi e gli altri dal virus.

Fai una domanda allo specialista

Fai una domanda